Prime prove con captcha solver chrome extension e l’impossibilità di disattivare permanentemente la notifica che all’avvio di Google chrome invita a disabilitare la modalità sviluppatore


Captcha solver chrome extension è un’estensione del famoso browser google chrome che dovrebbe permettere ai non vedenti d’inserire automaticamente il codice captcha nei siti che lo richiedono; quando l’operazione non viene svolta automaticamente, dovrebbe comunque permettere l’inserimento del codice premendo i tasti ctrl+shift+6 nel campo di editazione in cui inserire il codice stesso. Ma se sto usando il condizionale è perché qualcosa non funziona anche se finora ho provato l’estensione in oggetto solo con il sito di aruba perché quando vorrei non avere a che fare con i codici captcha me li trovo sempre tra i piedi mentre quando vorrei averne a disposizione più di uno non mi ricordo in che cavolo di siti li ho incontrati. Ciò nonostante, ho provato due versioni di questa estensione che mi danno lo stesso risultato: il codice non viene rilevato automaticamente e premendo ctrl+shift+6 nel campo di editazione dove andrebbe inserito ottengo solo il messaggio in inglese che l’operazione è stata svolta, e spero d’aver capito bene il messaggio perché con l’inglese non vado d’accordo, ma il codice non viene inserito. A quel punto nella pagina di aruba appare un link che segnala l’errore con un titolo in inglese ma non ho capito come si adopera e se possa servire a qualcosa.
L’installazione di captcha solver va fatta attivando la modalità sviluppatore che, per quanto ho capito, serve agli sviluppatori quando devono testare i propri programmi. In uiciechi trovi spiegazioni dettagliate per l’installazione di captcha solver adatte anche a chi non ha alcuna familiarità con il pc e quindi t’invito a leggerle in caso di necessità. Invece per coloro che hanno un minimo di familiarità con il computer ecco il riassunto su come s’installano le estensioni in modalità sviluppatore in google chrome.
1) scarica l’estensione che ti serve, in questo caso captcha solver si preleva da
qui
e poi scompatta lo zip in una cartella a piacere; 2) vai nelle estensioni di chrome che si possono raggiungere anche rapidamente digitando la seguente stringa sulla barra degli indirizzi:
chrome://extension
3) premi il pulsante Modalità sviluppatore e successivamente il pulsante Carica estensione non pacchettizzata. Con la solita modalità di windows seleziona la cartella in cui hai scompattato il materiale scaricato e premi il pulsante Selezione cartella. Dopo qualche attimo nella pagina troverai che l’estensione è attiva ed abbiamo finito.
A questo punto, ogni volta che avvii google chrome appare la finestra Disattiva estensioni in modalità sviluppatore che con un messaggio assai terroristico ti dice che le estensioni in modalità sviluppatore possono danneggiare il computer. In realtà per danneggiare il computer occorre uno sbalzo di corrente abbastanza elevato o un fulmine; ciò che può succedere con un software non funzionante è che s’imballi tutto, tutto qui. Il fatto è che un’estensione in modalità sviluppatore non è stata certificata e quindi, per mettere le mani in avanti, inseriscono questi messaggi da brivido in modo che se per caso qualcuno si lamenta del mal funzionamento possono sempre dire che era stato ampiamente avvertito. La finestra contiene il pulsante Disabilita che va a disabilitare tutte le estensioni in modalità sviluppatore ma così facendo captcha solver che ne fa parte ovviamente non funzionerà più. Con il pulsante Ulteriori informazioni non ci fai un fico secco e trovi poi un altro pulsante non etichettato da jaws visibile in cursore touch che non so a cosa serve. In pratica non trovo come disabilitare permanentemente la notifica ad ogni avvio; l’unica cosa che ho trovato è la possibilità di premere esc in modo d’andare alla barra degli indirizzi ed usare chrome come al solito anche se al prossimo avvio lo si dovrà premere nuovamente. In internet c’è chi dice che basta cliccare su Annulla; sì, ma dov’è? Sempre in rete un mio amico ha trovato altri modi complessi che non ha provato ma un surrogato per risolvere il problema lo trovi nel prossimo articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *