Problema di avvio tornando al disco gpt e note sul bios-uefi

Per chi può accedere facilmente al bios/uefi il problema esposto di seguito potrebbe risultare banale o inesistente perché magari basta una regolazione per risolverlo o comunque qualche occhiata alle impostazioni per poterlo comprendere. come dicevo in passato, la scheda madre Gigabyte ga-z270-hd3p non mi permette di stampare le schermate del bios/uefi in braille come invece facevo con la ga-p55a-ud3 e questo non mi permette di sperimentarla come voglio. Infatti c’è una bella differenza tra il poter leggere/regolare determinate impostazioni per tutte le prove che ti servono rispetto a quando te le puoi far guardare una o due volte al massimo perché non si può mica avere una persona tutti i giorni e nemmeno chiamarla sempre per la stessa cosa. E quando la trovi sei già fortunato!
Praticamente ecco come si comporta la mia scheda ed il problema che non riesco a risolvere.
In modalità csm, ossia quella di un tempo, la scheda si comporta come al solito: ad esempio, se scollego tutti i dischi e collego solo una chiavetta avviabile in modalità csm/mbr, ovviamente il sistema partirà automaticamente da quella perché non ha altre periferiche da cui partire. Al contrario, una chiavetta gpt, e quindi avviabile con uefi, devo per forza farla partire dal menu di boott per la sessione di lavoro corrente perché in automatico non parte. Ma fin qui poco male, basta saperlo ed agire di conseguenza.
Una volta installato windows 10 in modalità uefi, il disco gpt che ha creato si avvia automaticamente solo fino a quando non faccio partire la macchina con un altro disco in mbr. Una volta tornato al disco gpt devo per forza farlo partire dal menu boot per la sessione di lavoro corrente e lo fa tramite la terza riga della schermata (non so cosa vi sia nelle prime due righe, potrebbero anche essere vuote visto che quando ho fatto guardare tale menu per altri motivi a volte saltava la prima riga e si tratta di un menu con disposizione che varia nel tempo naturalmente tanto per rendere la vita più facile a chi non vede). Il disco in mbr mi parte sempre in automatico anche dopo la prova col gpt. Ma c’è modo di tornare a far partire il disco gpt automaticamente? Ho provato a scollegare tutti i dischi e a far partire solo quello ma, così come accade per la chiavetta vista sopra, non lo fa. Se qualcuno ne sa qualcosa, magari può mettere un commento nel blog in modo da informare più persone. Quella scritta sopra è una bella scocciatura perché costringe ad usare il menu di boot con f12 ad ogni riavvio del pc. Dimenticavo di dire che la versione del bios della scheda è f8 perché, temerario come sempre, pur essendo non vedente l’ho aggiornato due volte: in origine c’era la f3, poi l’ho aggiornato ad f7 non ricordo bene per quale motivo ma tale versione non mi faceva mai partire il masterizzatore per primo nemmeno azzerando tutto togliendo la batteria e così sono passato alla f8.
Praticamente con windows 10 ho lo stesso problema segnalato per linux ubuntu 18.04 ed è anche abbastanza ovvio sia così visto che quando passo dal disco gpt a quello mbr nel disco gpt non viene scritto nulla; evidentemente qualcosa cambia nelle impostazioni della scheda e quando torno al disco gpt che sia linux o che sia windows…
Se fai un giro in rete vedrai che di uefi e dei dischi gpt ne parlano benissimo: avvio più veloce, windows più veloce perché nella modalità uefi accede di meno ai driver, addirittura la possibilità d’ascoltare la musica con uefi prima che il sistema operativo sia caricato. Beh, non pretendo proprio la musica però… Certamente l’ideale sarebbe quello d’avere una sintesi vocale che legge le impostazioni del bios/uefi, ma sinceramente mi accontenterei di qualche beep associato alle funzioni più importanti, come ad esempio la priorità di boot che potrebbero essere emessi semplicemente dall’altoparlantino del pc in combinazione diversa a seconda della funzione svolta, ossia agendo sulla frequenza, la durata ed il numero dei beep. E visto che uefi non ha le limitazioni di memoria del vecchio bios la cosa sarebbe facilissima. cavoli, già nel 2003 la scheda asus p4pe all’avvio del pc, ma conunque prima che il sistema operativo si caricasse, poteva emettere dei messaggi campionati addirittura tramite la scheda audio… Peccato che nel 2005 un fulmine me l’ha distrutta perché in caso contrario potrei farla sentire.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *