power sata Switch per hard disk Lian li bz-h06a

Ecco un altro pannello frontale per accendere e spegnere hard disk che, a differenza del Sisun visto in precedenza, va montato in un alloggiamento da 5 pollici, possiede sei tasti per agire su sei dispositivi sata ed è privo di coperchio e i fianchi sono assai corti. Come il Sisun, anche il Lian li bz-h06a si alimenta con due cavi con spina molex femmina dal lato del pannello frontale e sata maschio dal lato dell’alimentatore ma i cavi non hanno la guaina a ricoprire i quattro fili e la cosa non mi piace ma nessuno ti vieta d’uisare cavi analoghi con guaina o addirittura un adattatore molex-sata senza cavo. Ma a differenza del Sisun, l’alimentazione di un singolo cavo non è comune a tutti i pulsanti: la prima spina molex ne alimenta tre e ovviamente la seconda serve per i rimanenti e la cosa è anche ovvia perché, osservando bene, ti accorgi che il Lian li bz-h06a è costituito da due schedine separate. ricordando che questi dispositivi agiscono solo sull’alimentazione ma non sui cavi dei dati, per alimentare i dispositivi sata il Lian li possiede sei spine small un po’ differenti da quelle del Sisun ma con lo stesso principio per l’inserimento. Qui però non abbiamo un unico cavo per alimentare i dispositivi ma sei singoli cavi di uguale lunghezza ma sufficiente anche per l’hard disk montato nel vano inferiore in un cabinet piuttosto grande. A differenza di quanto scritto per il cavo del Sisun, i singoli cavi non presentano difficoltà particolari per il montaggio da parte di chi non vede e siccome quando non mi arrabbio sono tanto buono, ti dirò che le spine small vanno inserite con la tacca verso l’alto. Probabilmente non avrai bisogno di tutti e sei i dispositivi e se ne adoperi solo tre puoi alimentare il pannello con un’unica spina molex ed inserire solo tre cavi per gli hard disk; tuttavia, e soprattutto se fai il montaggio completo, tutti quei cavi possono dare un senso di disordine e quindi li puoi riunire con delle fascette o con quel filo che si adopera per chiudere i sacchetti fissandoli in vari punti. Se usi le fascette ti consiglio di non adoperare quelle che, una volta strette, non si possono più rimuovere se non tagliandole; infatti, tagliandole si rischia sempre di rovinare anche il cavo che c’è sotto e comunque si tratta di un’operazione che fa perdere tempo quando devi smontare qualcosa.
Ho provato a montare questo pannello frontale su un vecchio cabinet Cooler master centurion 5 e siccome non sono il dio dell’informatica l’ho dovuto togliere e rimontare in un’altra maniera ma andiamo con ordine. In genere in questo cabinet e in quelli simili per montare un dispositivo su un alloggiamento superiore ed anteriore si toglie il pannello frontale del cabinet, lo si libera di una mascherina, s’inserisce il dispositivo nel cabinet e si rimonta il pannello frontale dello stesso e così ho fatto scoprendo che, esattamente come supponevo, i fianchi del Lian li sono troppo corti per poter utilizzare la leva di fissaggio senza viti di tipo Cooler master. Non ricordavo se in questo cabinet era possibile montare un dispositivo con le viti e per saperlo ho tolto il pannello destro, cosa che in genere in questo modello non si fa mai perché da quella parte non ci vai a fare niente anche perché il fondo non ha il foro per il dissipatore. Così ho scoperto che, un po’ alla meglio, potevo fissare il Lian li tramite due viti inserite però solo da un lato ed entrambe verso la parte anteriore del cabinet. Lo so, è un fissaggio un po’ balordo ma piuttosto che niente… Ma quando sono andato a rimontare il pannello frontale del cabinet, ho scoperto che non entrava e te ne spiego il motivo. analizzando i corti fianchi del Lian li scopri che verso la parte anteriore il pannello risulta più largo e se lo vai a sovrapporre ad un masterizzatore noti che è leggermente più largo di quest’ultimo; ed allora… L’unico modo che ho trovato per montarlo è quello d’infilarlo dall’esterno con il pannello frontale del cabinet già montato. Non entra completamente e non ci puoi mettere le viti ma resta abastanza fisso tanto da non muoversi in caso di trasporto. anche in questo caso mi rendo conto che il montaggio è un po’ balordo ma… Fammi sapere la tua esperienza di questo componente con altri cabinet o se hai trovato un’altra soluzione con lo sesso centurion 5. Oltre a sei viti, di cui due più corte, in dotazione al Lian li bz-h06a vi è una piastrina metallica con dei fori per poterla avvitare e un incastro da un lato e la danno per il montaggio nei computer Lian li pc-a61 e pc-816 che non conosco; non ho fatto guardare la cartina in dotazione al pannello frontale dove forse c’è una figura. Per deduzione noto che la piastrina va avvitata ad un fianco del pannello frontale e che forse potrebbe essere utilizzata anche per il fissaggio in cabinet diversi da quelli dei pc Lian li elencati sopra e anche questa è una cosa da provare.
Finora il front panel Lian li bz-h06a non mi ha dato problemi ma con il pc ho sempre acceso e spento gli hard disk con la scheda madre spenta. Al banco invece ho fatto anche prove di accensione e spegnimento con un vecchio hard disk notando questo: se con la corrente staccata faccio tutti i collegamenti e premo il pulsante del pannello frontale in modo da alimentare il dispositivo collegato, quando do corrente l’hard disk parte immediatamente. Al contrario, se tramite il pulsante del pannello frontale spengo l’hard disk e, dopo qualche secondo, lo riaccendo, il dispositivo ci mette un pochino a ripartire e forse questa è una protezione che avevo notato anche nel Sisun ma di cui non so dirti di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *