Approfondimento e rettifica su wsus offline update


Le informazioni precedenti su questo argomento le trovi nel mio sito:
www.centroelettronica.info
Ho parlato abbastanza dettagliatamente di questo programma nel numero 96 e qui approfondisco e rettifico quanto segue.
Se mi leggi da un pezzo sai bene che io e l’inglese non andiamo d’accordo e, aggiungo, oltre a non saperlo non mi piace con la conseguenza che quando imparo qualche termine spesso me lo dimentico. Con molta probabilità il blocco del programma segnalato nel numero 96 non c’era, semplicemente avevo capito male l’inglese stramaledetto anche se attualmente ho trovato un altro errore: sarà reale o dovuto ancora alla mia ignoranza rispetto alla lingua maggiormente usata nel mondo? Andando con ordine, ecco come stanno le cose. Il mio dvd installa windows 7 con internet explorer 8 come del resto suppongo facciano la stragrande maggioranza dei dvd con tale sistema. Dopo aver installato windows 7 ed aver scaricato gli aggiornamenti con wsus offline update come spiegato nel numero 96, ho cliccato su updateinstaller per installarli scoprendo che da questa situazione di base il programma dà un avvertimento su internet explorer e, se non ho capito male, sembra dire che verrà aggiornato ma di fatto al termine dell’installazione mi rimane alla versione 8 pur avendoci provato più volte e in più modi. Inoltre durante la prima fase d’installazione degli aggiornamenti ottengo degli avvertimenti e dei file che non trova e, una sola volta, sono riuscito ad ascoltare anche la scritta internet explorer; ma perché non li scarica? Internet explorer verrà immediatamente aggiornato quando farai i normali aggiornamenti con windowsupdate. se prevedi d’aggiornare altri computer partendo dalla stessa situazione del pc appena aggiornato, per non perdere nuovamente il tempo del download ti conviene salvare da qualche parte tutte le cartelle di wsus offline update in modo che per il prossimo pc cliccherai subito su updateinstaller. Per l’installazione degli aggiornamenti, il programma può richiedere o meno uno o più riavvii del computer che dipendono dallo stato di aggiornamento da cui sei partito e dai componenti che hai deciso d’installare. Per farli automaticamente, prima di cliccare su Start per iniziare l’aggiornamento attiva l’opzione
automatic reboot and recall
da quanto capisco dall’inglese, per usare questa opzione bisogna che uac, user account control, sia a zero, ossia disattivata e siccome è una delle prime cose che disattivo, nel mio caso era già disattivata e non ho provato ad attivarla. Per chi non vede, l’attivazione di questa opzione offre anche il vantaggio che la sintesi vocale NVDA parlerà come una pettegola solo fino al primo riavvio mentre per il resto del lavoro e se è stata regolata per farlo, parlerà solo nella finestra di logon anche se è stata attivata l’opzione Esegui NVDA all’avvio di windows; ma non preoccuparti che ricomincerà a parlare non appena il lavoro è terminato. Nel frattempo sentirai un suono di windows prima del riavvio e il suono di avvio del sistema quando si ricarica. Se non viene attivata l’opzione automatic reboot and recall, quando il computer necessita di un riavvio si sente un beep e si ferma al prompt dei comandi con la conseguenza che dovrai riavviarlo manualmente e sempre manualmente richiamare updateinstaller per continuare l’aggiornamento.
Se oltre al riavvio automatico vuoi che il computer si spenga quando l’aggiornamento è terminato, prima di cliccare su start attiva anche l’opzione
shut down on completion
Cosa può essere avvenuto quando nel numero 96 ho segnalato un blocco? Probabilmente dopo aver sentito il numero dell’aggiornamento che pensavo mi bloccasse il programma ho zittito la sintesi e non mi sono accorto che si era fermato al prompt dei comandi per un riavvio dove senz’altro avrò fatto alt+f4 o qualcosa del genere per uscire, di sicuro non ho adoperato exit perché altrimenti mi sarei accorto d’essere al prompt. Successivamente ho continuato l’aggiornamento con update.cmd ma per quanto avevo fatto in precedenza il computer non necessitava più di riavviarsi ed è andato dritto fino alla fine e da questo ho pensato che per i 64 bit updateinstaller.exe avesse dei problemi risolvibili usando update.cmd. Da notare che con update.cmd bisogna per forza fare i riavvii manualmente a meno che non si possa modificare il file in tal senso (ricordo che un cmd non è altro che un file di testo con righe di comando). Non mi vergogno a segnalare gli errori che faccio sia perché non mi ritengo perfetto ma anche perché possono essere istruttivi e di avvertimento per altri: spesso gli errori che si fanno sono i più banali e sciocchi e, anche se spesso non lo dicono, avvengono anche tra le persone che si credono super esperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *